Roma, corsie preferenziali.

BIG_ecopass_DSC0119La rete stradale romana, rappresenta una delle più significative opere storiche, tuttora in grado di assicurare il corso di metamorfosi che ha coinvolto la città per un periodo lungo circa venticinque secoli.

Con l’aumento delle aree residenziali in vaste zone dell’agro romano e la conseguente realizzazione di nuove vie di accesso alla città, oggi si conta una rete stradale pari a circa cinquemilacinquecento chilometri.

Gli ultimi interventi stradali realizzati, unitamente a quelli programmati ed in corso di progettazione, stanno modificando fortemente il vecchio impianto radiale che connota alcuni settori urbani, introducendo e completando delle tangenziali in grado di assicurare un effetto rete, ancora oggi molto carente.

È evidente che ad un sistema stradale poco efficiente corrisponda un uso veicolare molto difficoltoso e congestionato, in particolare in una città che ha una percentuale di macchine per abitante tra le più elevate di Europa.

È altresì evidente che non è l’automobile il mezzo più idoneo a soddisfare le molteplici esigenze di mobilità presenti in una grande area urbana, ma solo un potenziato ed efficiente trasporto pubblico su ferro e su gomma può garantire una migliore accessibilità ai diversi luoghi e quindi alle diverse attività e funzioni che costituiscono la città.

Solo implementando il Servizio di Trasporto Pubblico locale affiancandolo ad una gestione che abbia a cuore veramente il bene del cittadino e del lavoratore che ne fa parte, si possono raggiungere determinati obiettivi.

In questo senso qualcuno si sta muovendo, e di seguito riportiamo le proposte del Movimento 5 stelle Roma che ha presentato una per la ottimizzazione e l’implementazione delle corsie preferenziale nella rete stradale Romana.

Implementare entro un anno del 50% i chilometri di corsie preferenziali della città di Roma, istituire un tavolo tecnico permanente per monitorare e ottimizzare la rete, coinvolgere i Municipi nell’individuazione delle aree più critiche, dove intervenire con maggiore urgenza, riservando spazi al trasporto pubblico.

Questi i contenuti della proposta di deliberazione che abbiamo depositato oggi, con l’auspicio che segua in tempi rapidi l’iter previsto con i pareri degli uffici competenti e della Commissione mobilità, per arrivare poi in Assemblea Capitolina.

In una realtà caotica come la nostra città le corsie preferenziali sono fondamentali perché aumentano la velocità commerciale di mezzi pubblici e taxi e consentono risparmi importanti sia per le aziende di trasporto che per i cittadini.

Inoltre possono essere realizzate a costi molto contenuti dando un messaggio chiaro ai cittadini: i mezzi pubblici hanno la precedenza sul traffico privato, con innumerevoli benefici in termine di qualità dell’aria, salute, efficienza degli spostamenti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *