L’ obiettivo è tutelare i propri iscritti!

COMUNICATO n° 0078 - Urgente - Richiesta ai sensi dell’articolo 20 dello Statuto dei Lavoratori (ex. Lege 300-1970)In data 11 Dicembre 2015 l’Organizzazione sindacale CAMBIA-MENTI M410 ha spedito agli organi interni di Atac S.p.A. una lettera nella quale si richiedeva la possibilità di usufruire di alcuni diritti sanciti dallo Statuto dei Lavoratori (ex. Lege 300/1970).

L’OBIETTIVO DI QUESTO SINDACATO È IL RICONOSCIMENTO PRESSO ATAC AL FINE DI POTER TUTELARE I PROPRI ISCRITTI.

Pertanto alla luce di quanto detto ci rammarica sapere che il contenuto di quella lettera (V. Allegato) è “capitato” nelle mani di persone terze non aventi diritto a leggerlo ovvero a prendere visione del contenuto.

Ancor più inopportuno è cercare di screditare, strumentalizzare e manipolare con messaggi privati, la trasparenza e l’onestà degli aderenti a CAMBIA-MENTI M410 dimostrando di non conoscere nemmeno la differenza tra “distacco sindacale” e “permesso retribuito”, quest’ultimo inteso come ISTITUTO ATTRAVERSO IL QUALE VIENE RICONOSCIUTO IL DIRITTO AL DIRIGENTE SINDACALE DI ESPLETARE DELLE FUNZIONI RIGUARDANTI L’ATTIVITA’ SINDACALE, QUALE PER ESEMPIO PARTECIPARE AD UNA TRATTATIVA.

Quanto da noi LEGITTIMAMENTE richiesto è frutto della concreta volontà di rappresentare e tutelare gli iscritti di CAMBIA-MENTI M410 e i lavoratori tutti.

Oltre ai permessi di cui sopra abbiamo richiesto anche uno spazio per informare i lavoratori attraverso l’utilizzo delle BACHECHE e la possibilità di indire ASSEMBLEE negli impianti.

NONOSTANTE NON ABBIAMO RICEVUTO RISCONTRI IN MERITO DA ATAC NOTIAMO PERO’ CHE ALTRI INVECE SAREBBERO IN POSSESSO DI DOCUMENTI NON RECAPITATI DIRETTAMENTE ALLA LORO ATTENZIONE.

Fatto salvo che adiremo presso le sedi opportune nel frattempo ci appelliamo a chi per fermarci ci vuole infangare e gli diciamo:

“NON SCARICATE SU CHI È ONESTO LE VOSTRE SCELLERATEZZE… IL SINDACATO E’ UN ISTITUTO VALIDO SONO LE PERSONE CHE LO COMPONGONO A FARE LA DIFFERENZA E NOI SIAMO LA DIFFERENZA! NOI RAPPRESENTIAMO IL CAMBIAMENTO E VOGLIAMO METTERE UN FRENO A QUESTO SISTEMA CHE I DIRITTI LI HA FATTI REGREDIRE DI 30 ANNI…”

UNITI SI PUÒ… UNITI SI VINCE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *