IL DIRITTO AI PERMESSI SINDACALI.

immaggine logoIL DIRITTO AI PERMESSI SINDACALI È PIENO E INCONDIZIONATO.
Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 14 gennaio 2003, n. 454
Il diritto ai permessi sindacali è pieno ed incondizionato, non essendo configurabile alcun potere discrezionale di concessione o autorizzazione da parte del datore di lavoro, ed anche quando (come nel caso di specie) sia fissato un “monte ore”, il lavoratore può far uso dei permessi per un periodo prolungato ed ininterrotto, senza neppure essere tenuto a far sì che la propria, benchè limitata, prestazione lavorativa, conservi una sua utilità nell’ambito del rapporto contrattuale; tuttavia, non è consentito l’utilizzo dei permessi sindacali per fini personali o diversi da quelli per i quali essi vengono attribuiti, nè tanto meno è consentita la strumentalizzazione del potere di fruire dei permessi per una finalità diversa dalla tutela sindacale (consistente, nel caso di specie, nella semplice volontà di sottrarsi all’attività lavorativa, praticando un dissimulato ostruzionismo alle direttive del datore di lavoro).

IL DATORE DI LAVORO PUÒ VERIFICARE EX POST SE IL BENEFICIARIO ABBIA EFFETTIVAMENTE RISPETTATO LA DICHIARATA DESTINAZIONE, BEN POTENDO IN CASO NEGATIVO RIFIUTARE LA RETRIBUZIONE E PROCEDERE DISCIPLINARMENTE.

Questo sarebbe dovuto avvenire in ATAC. Questo vorremmo portare noi: onesta’ e difesa dei diritti, ma anche adempimento dei propri doveri!!!

Di seguito vi riportiamo l’articolo preso dello statuto dei lavoratori.

Art. 23.
Permessi retribuiti.

I dirigenti delle rappresentanze sindacali aziendali di cui all’articolo 19 hanno diritto, per l’espletamento del loro mandato, a permessi retribuiti.

Salvo clausole più favorevoli dei contratti collettivi di lavoro hanno diritto ai permessi di cui al primo comma almeno:

a) un dirigente per ciascuna rappresentanza sindacale aziendale nelle unità produttive che occupano fino a 200 dipendenti della categoria per cui la stessa è organizzata;

b) un dirigente ogni 300 o frazione di 300 dipendenti per ciascuna rappresentanza sindacale aziendale nelle unità produttive che occupano fino a 3.000 dipendenti della categoria per cui la stessa è organizzata;

c) un dirigente ogni 500 o frazione di 500 dipendenti della categoria per cui è organizzata la rappresentanza sindacale aziendale nelle unità produttive di maggiori dimensioni, in aggiunta al numero minimo di cui alla precedente lettera b).

I permessi retribuiti di cui al presente articolo non potranno essere inferiori a otto ore mensili nelle aziende di cui alle lettere b) e c) del comma precedente; nelle aziende di cui alla lettera a) i permessi retribuiti non potranno essere inferiori ad un’ora all’anno per ciascun dipendente.

Il lavoratore che intende esercitare il diritto di cui al primo comma deve darne comunicazione scritta al datore di lavoro di regola 24 ore prima, tramite le rappresentanze sindacali aziendali.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *