Il Contratto di Servizio del trasporto pubblico locale

Logo cambiamentiProposta Cambia-Menti m410

Una delle prime cose che un azienda compie quando si immette nel mercato, sono le indagini conoscitive del cliente a cui è destinato il prodotto. Consenso del trattamento dati, consulenze esterne a società che effettuano interviste, promozioni, sono le iniziative fondamentali per far conoscere e di conseguenza vendere il prodotto. Se il trasporto pubblico è un servizio che comunque deve essere erogato senza conoscere dove, quando e quanto è l’errore strategico che da sempre commette l’amministrazione. La ricerca della qualità attraversa l’informazione dell’indentikit è un passaggio fondamentale e obbligatorio.

– Primo step.

L’auto censimento è un punto obbligato per tracciare un quadro specifico dell’utente urbano e interurbano, con un raggiungimento della percentuale del 70-80%. Attraverso i canali istituzionali dei vari siti, Atac, Comune e Regione si deve promuovere un’iniziativa con la quale si cerca la collaborazione del cittadino, e traccia il suo spostamento abituale nel tragitto tipo casa-lavoro-casa, oppure casa-scuola-casa. L’iniziativa deve avere un tempo sufficiente per poter avere più informazioni possibili, per avere un quadro quasi definitivo dei flussi che ogni giorno attraversano Roma. Auto registrandosi l’utente fa il suo identikit come viaggiatore, segnando nome e cognome, e partenza e orario, e ritorno e orario. In questo modo possiamo avere la quantità di spostamenti in modo quasi specifico, ed organizzare un servizio che soddisfi la domanda nella varie fasce. Linea per linea, tram per tram, treno per treno, possiamo avere in modo specifico tutti gli spostamenti, quanti e in quale orario. Logicamente si organizza un servizio di vari livelli, entro i quali ci sono le fasce di punta e tutte le altre fasce. Le corse possono essere massimizzate in modo specifico, dando un servizio rispondente alla domanda, contenendo i costi, eliminando corse inutili e quindi erogare la qualità. Se facciamo qualche passo indietro, abbiamo visto come parte delle corse con il contratto in essere sono inutili e poco produttive, mentre conoscendo i flussi degli utenti si può associare un servizio che elimini gli sprechi in modo quasi specifico.

-Secondo step

Eliminando il criterio del contratto di servizio basato sul raggiungimento annuale del monte km, dobbiamo creare delle tabelle che abbiano un tempo reale di percorrenza a seconda della fasce di punta. Nella tabella della linea “01” abbiamo visto i tempi di percorrenza uguali in qualsiasi momento della giornata, e di conseguenza molte corse vengono saltate perchè non è possibile effettuarle. Il tempo reale crea la condizione per cui il servizio non solo è accessibile, ma ha una certezza del passaggio. La certezza del passaggio si trasforma a punto di riferimento dell’utenza, e una volta ottenuta, si ottiene buona parte della qualità, che ad oggi manca nel suo insieme. In questo modo si dà all’utenza quel criterio che per anni è stata abbondato, l’accessibilità. Una buona parte di quelle corse della linea “01” andrebbero eliminate, per avere sempre il servizio costantemente attivo, e soprattutto per evitare corse fuori servizio. A questo punto possiamo dedurre che questo tipo di servizio possa dare dei benefici che oltre alla qualità e all’accessibilità, sono il contenimento dei costi operativi. Senza usare le tabelle dei costi che nella prima parte sono stati inseriti, la qualità consente di risparmiare carburante, usura gomme, usura mezzi, e di conseguenza usura strade che la loro manutenzione sono sempre a carico della collettività

-Terzo step.

Se la rete stradale dentro il raccordo è di 5000 km, e il totale dei km destinati alle corsie preferenziali è di 112, è veramente irrisorio l’1,2% la percentuale delle corsie destinate al trasporto collettivo, e quindi un aumento delle corsie preferenziali e la sua severa gestione è doverosa. Togliere più strada per riservarla al servizio pubblico è una scelta obbligata, se mai vogliamo raggiungere standard europei.

Andrea Lucchetti Direttivo di Cambia-Menti m410

Author: Cambia-menti M410

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *