Dal salone internazionale del libro di Torino all ‘Eliseo di Roma

“Ci tenevo ad avere Micaela qui. Perchè Micaela è per me una giovane donna leggendaria già… Perché mette insieme secondo me il pensiero ed un discorso che persuade con una prassi molto importante…”

“Posso solo dire che una egemonia, nel senso di essere portatori di un discorso che persuade che viene condiviso dagli altri fino al punto di convincerli a coordinare con esso i propri comportamenti, oggi in Italia potrebbe costituirsi solo sulla base di una rigorosa pratica dell’onestà intellettuale da parte di coloro che pretendono di esercitare l’egemonia.

Se si vuole ricostruire una egemonia culturale si deve ripartire innanzitutto da qui. Ecco io in Micaela vedo il pensiero e la prassi”.

“Presentare lo stesso bellissimo testo con sette pensatori a confronto in un contesto totalmente diverso dal salone internazionale del libro di Torino…”

Già…

In appena una settimana tutto era cambiato.

Il libro era lo stesso, ma diverso il luogo che avevamo scelto per presentarlo.

Diverso l’uomo che avevo al mio fianco.

Diverso e nuovo il modo con cui raccontai del nostro sindacato la storia…

Author: Micaela Quintavalle

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *